OGNI MATTINA IN DIRETTA LA RASSEGNA STAMPA DI FIORELLO
CON STEFANO MELOCCARO, GLI AMICI DEL BAR, OSPITI, SORPRESE E NOVITÀ

  • EDICOLA FIORE: Dal 10 ottobre, ogni giorno, dal lunedì al venerdì, in diretta dalle 7.30 su Sky Uno HD, in replica dalle 8 su TV8 (canale 8 del digitale terrestre) e a partire dalle 7.30 su Sky TG24 Active.
  • EDICOLA FIORE DELLA SERA: Dal 10 ottobre, ogni giorno, dal lunedì al venerdì, dalle 20.30 su Sky Uno HD e 20.40 TV8 (canale 8 del digitale terrestre)
  • EDICOLA FIORE – THE WORST OF: Dal 15 ottobre, ogni sabato e domenica su Sky Uno HD e TV8

Tutte le puntate sono disponibili anche su Sky Go, Sky On Demand e in streaming su NOW TV.

  • Claudio Giusti

    OHOHOHOHOH !!!! sono disponibile ad essere intervistato sul caso di Chico Forti.

  • Gaetano Ponticelli

    Dovresti anche parlare,qualche volte di un buon libro
    Grazie

  • WILAVORATORI

    #savetelecom #idipendentichecombattono #anoitagliatevoiincassate #savetim #ilvaloreditimsiamonoi

    LETTERA DI 1 LAVORATORE TIM PROTESTANTE

    ANCHE UNA GRANDE SOCIETA’ COME LA NOSTRA HA I SUOI PERIODI NERI…

    https://uploads.disquscdn.com/images/123910d26b10070f3915cb187a79d63cc9276205cfe1f692117deb27acf14122.jpg

    Il mio logo TIM è capovolto.

    La nostra è una Azienda sottosopra, come nella peggiore tradizione capitalistica, si privatizzano gli utili e si socializzano le perdite. Ci impongono la deregolamentazione dei rapporti di lavoro, flessibilità e precariato, perché l’unico rigore da seguire è il risparmio, per noi, e l’ineluttabilità senza regole del santo mercato per loro.

    La nostra Azienda è come un sacco capovolto per far cadere fino all’ultimo centesimo dal fondo per gonfiare bonus o pagare multe. Premi spropositati, amorali, equivalenti a più di 2300 anni della nostra ininterrotta retribuzione. A chi poi? Agli stessi che hanno avuto le incompetenze per arrivare al punto dove siamo e meritarsi i richiami dell’antitrust. I loro vizi li chiamano virtù, e per questo si premiano da soli.

    C’è stato persino un momento in cui hanno detto che questa è “una grande famiglia”, dove, nel rispetto delle gerarchie, loro sono i padri e noi i figli. Ma mi chiedo, che tipo di padri hanno avuto questi signori? Nelle famiglie vere, quando il padre chiama i figli perché le cose non vanno, non è che il capo famiglia chiede prima sacrifici e poi scappa con i soldi dei figli.

    Loro, “i capitani coraggiosi”, i banchieri, i manager con tanto di cortigiani, ballerine e nani, incapaci di elaborare un pur pallido piano industriale, si sono avvicendati in questi ultimi 20 anni senza tregua, con l’unico coerente risultato di trasportare la nostra Azienda dall’essere una delle più grandi società di telecomunicazioni al mondo, ad una che non è più in grado di guardare oltre il proprio naso e di non essere neanche più padrona della propria casa (centrali).

    Per loro l’Azienda è stata un limone da premere e buttar via, per noi no. Loro sono passati come fulmini, come terremoti, lasciando solo cenere e macerie, noi no.

    Questa non è la loro Azienda, non lo è mai stata, loro sono degli intrusi, dei ladri, degli abusivi di passaggio, che completamente ignorano il lavoro che la sostiene, e che mai hanno chiesto permesso per entrarci, perché sempre da padroni si sono comportati e mai da padri.

    L’Azienda, nostro malgrado, è nostra che ci lavoriamo da sempre e che ci vogliamo lavorare ancora. L’Azienda è nostra perché in essa ci vediamo la nostra famiglia da mantenere, e la nostra casa da pagare.

    Il mio logo aziendale l’ho messo sottosopra, perché purtroppo così e la nostra Azienda. Il logo sulla mia giacca rossa è messo a testa in giù in segno di lutto, ma con la speranza che insieme possiamo raddrizzarlo.

    Lorenzo
    WIL, W i Lavoratori

    Possiate darci un piccolo spazio nella vostra trasmissione
    GRAZIE

  • Carlo Felice