Le foto sono di Adolfo Franzò.